New Call-to-action
Dona ora
New Call-to-action

Il tweet di don Bosco: ""

Pubblicato in missioni, News, Progetto

114D0149.jpg

I SALESIANI AL FIANCO DEGLI EX BAMBINI SOLDATO DELLE FARC

Colombia, Medellin – Ciudad Don Bosco

  

 

 

 

La Colombia ha vissuto 52 anni di guerra civile, cessata ufficialmente con l’armistizio firmato nell’estate 2016. Responsabile della morte di oltre 220.000 persone, il conflitto ha visto contrapporsi le forze armate governative e le FARC, il famigerato gruppo armato rivoluzionario legato ai potenti narcotrafficanti del Paese – nonché ad altre organizzazioni paramilitari, che contava fra le sue fila migliaia di guerriglieri. Fra questi, molti bambini soldato.  La casistica delle ragioni che hanno creato questo fenomeno è quanto mai varia, ma l’elemento che accomuna tutti i bambini arruolati nelle FARC è in definitiva quello della provenienza sociale, sempre caratterizzata da un’enorme povertà. Economica, spirituale e culturale.
I Figli di Don Bosco di Medellin, una delle città che più ha subito gli effetti delle violenze legate al traffico di cocaina, si occupano da tempo del loro recupero. Piegati da un’infanzia fatta di brutalità, sfruttamento e in molti casi, per le ragazze, di abusi sessuali, sono numerosi gli adolescenti che nel corso degli anni hanno bussato alla porta dei salesiani, desiderosi di cambiare vita ed allontanarsi dalla violenza in cui sono cresciuti. A Ciudad Don Bosco in 15 anni sono stati riabilitati 1.500 giovani fra ragazze e ragazzi di età compresa fra i 14 e i 17 anni: di questi, solo uno è tornato a militare nella guerriglia. Un grande successo, dovuto all’applicazione del sistema preventivo salesiano, che coinvolge gli ex i bambini soldato in un percorso riabilitativo integrale. Oltre alle cure di base (assistenza nutrizionale e sanitaria in primis), i salesiani puntano ad una solida formazione scolastica e professionale, ma anche, e soprattutto, ad un cammino fatto di sostegno psicologico e di ricongiungimento familiare. Questi giovani non potranno certamente riavere indietro l’infanzia perduta, ma si assicurano  la possibilità un futuro da adulti sereni e responsabili. I salesiani di Ciudad Don Bosco hanno bisogno di aiuto per mantenere le attività del Centro e portare avanti questo intervento diventato ancora più importante ora che le FARC sono in fase di smantellamento. 

Per garantire colazione, pranzo, merenda e cena ad un ex bambino soldato servono 30 € a settimana; per coprire i costi della riabilitazione psico-fisica e per il reinserimento sociale (costi per lo psicologo, l’assistente sociale, il nutrizionista, gli educatori, gli insegnanti) c’è bisogno di 210 € al mese per ragazzo/a. A queste spese si aggiungono quelle per gli abiti, il materiale didattico, sportivo… I bisogni sono tanti e tu, con un’offerta di 15, 20, 50 € puoi fare moltissimo! Grazie!

dona-ora.png 

 Scopri le storie di Verù e Teresa, scopri la storia di chi ce l’ha fatta!

Scopri le storie di chi è appena arrivato a Ciudad Don Bosco e ha ancora tanta strada da fare

Leggi l'approfondimento su CORRIERE.IT 

 

 

Terre lontane

Leggi e scarica l'ultimo numero del nostro notiziario

New Call-to-action

Servizi e registrazioni

Vuoi rimanere in contatto con noi?

Ricevi gli sms di Don Bosco oppure chiedi la versione cartacea dei notiziari.

Registrati