<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=1368633319933567&amp;ev=PageView &amp;noscript=1">
Icona instagram
Dona ora

Pubblicato in News

fionaedb

Fiona May testimonial di Missioni Don Bosco


 

 

 

 

Il messaggio che ci ha inviato l’atleta Fiona May, campionessa di salto in lungo, due volte medaglia d’oro ai Mondiali e due volte medaglia d’argento alle Olimpiadi.

 

Gentili amiche e amici,

desidero porgervi i miei saluti ora che si apre una collaborazione stretta con Missioni Don Bosco. Vedrete sempre più spesso la mia immagine a fianco di bambini e di giovani di tutto il mondo accolti nelle diverse opere salesiane.

Per una successione di eventi e di relazioni mi trovo con piacere a essere oggi una “testimonial” per questa importante Onlus.

La prima volta è stato alla Corsa dei Santi lo scorso anno a Roma. Sport e solidarietà stanno bene insieme: lo sforzo di raggiungere un obiettivo che corona mesi e anni di allenamenti ha qualcosa che somiglia a quello di chi svolge azioni di aiuto alle persone e ai popoli più poveri, come fanno i missionari salesiani. Il risultato in entrambi i casi non nasce dal caso ma dalla dedizione, dalla competenza, dalla pianificazione.

Sono venuta a Valdocco ad aprile per vedere da vicino come opera Missioni Don Bosco: come dialoga con i suoi benefattori, come aiuta i religiosi e i volontari a progettare e ad avviare interventi sostenibili, com’è pronta a rispondere alle emergenze che si presentano. Ero qui proprio nei giorni in cui si mobilitava per soccorre le popolazioni colpite a marzo dal tornado in Mozambico.

Ho capito che Missioni Don Bosco fa leva su un meccanismo davvero fondamentale: la preparazione culturale e tecnica dei giovani, in tutti i Paesi in cui opera. La formazione scolastica deve essere data a tutti, particolarmente a chi si trova più svantaggiato per ragioni economiche, geografiche, sanitarie.  E poi, con le scuole professionali, si aiuta a definire le capacità di ciascuno in funzione delle opportunità di lavoro: i mestieri che servono nei villaggi e nelle città per migliorare la qualità della vita, per creare occupazione, per gettare le basi di un durevole sviluppo.

In questi ultimi anni mi sono dedicata agli studi di economia e posso constatare che dove esiste un tessuto di base fatto di gente istruita e di bravi artigiani può svilupparsi un’agricoltura più efficiente e quindi allontanarsi lo spettro della fame, possono trovare il loro humus le attività artigianali che valorizzano i territori e generano ricchezza per tutti.

Mi dedicherò volentieri a essere promotrice dell’attenzione alle mamme, con speciale attenzione alle mamme-bambine che purtroppo sono una realtà molto diffusa nel continente africano.

 

 

Per tutto questo anno continuerò a “mettere la mia faccia” per sostenere le campagne di raccolta fondi per i progetti di Missioni Don Bosco: a incominciare dalla prossima importante campagna del 5X1000 che – con la vostra firma – permette di donare a questa associazione risorse preziose. Sosteniamo insieme la fatica di tantissime persone a noi fisicamente lontane ma delle quali ci sentiamo davvero vicine agli obiettivi.

Avremo modo di tenervi informati sulle nostre prossime iniziative: seguite in questo sito i passi sempre più slanciati che faranno compiere un lungo salto in avanti a tanti giovani e giovanissimi nel mondo.

Fiona May

 

Altri articoli...