La missione di Bukavu stretta tra Ebola, Covid-19, guerre tribali e catastrofi naturali

Bukavu in Repubblica Democratica del Congo

La comunità salesiana di Bukavu, in Repubblica Democratica del Congo, ci manda quando possibile aggiornamenti sulla situazione della missione e della provincia in cui è ubicata. Al momento i casi di Covid-19 in città (che ha circa 800.000 abitanti) sono per fortuna pochi, ma continua la massima allerta. La situazione nella capitale Kinshasa è invece molto preoccupante, le 300 persone risultate positive ad aprile sono solo la punta dell’iceberg, ogni giorno purtroppo il numero dei contagiati aumenta perché la fame spaventa più del virus e tutti cercano cibo, anche a scapito della loro sicurezza.

Il dottor Mukwege, premio Nobel della pace 2018, direttore dell’ospedale di Panzi a Bukavu e coordinatore regionale della lotta contro la pandemia, ha proposto di dotare il Sud Kivu di un laboratorio proprio per analizzare i campioni di Coronavirus, velocizzare l’esame dei prelievi e ridurre i tempi di attesa dei risultati dall’INRB di Kinshasa.

In un quadro già così complicato il Covid-19 è solo uno dei problemi che la popolazione deve affrontare quotidianamente. Il racconto dei salesiani mette a nudo una realtà fatta di altre epidemie, catastrofi naturali, guerre tribali:

Oltre al Covid-19, il Nord e Sud Kivu sono colpiti da altre disgrazie. A Beni è riemerso il virus Ebola che sembrava definitivamente sconfitto (ci sono 5 o 6 persone infette). In tutta la regione orientale della RDC, i gruppi armati continuano i loro attacchi. Secondo Michelle Bachelet, Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti dell’uomo, dallo scorso gennaio nell’area dell’Ituri oltre 330 persone sono state vittime di gravi violazioni dei diritti umani, tra cui omicidi e rapimenti commessi dalla milizia CODECO. Almeno 57 civili sono stati uccisi da gruppi armati nel territorio di Masisi nel solo mese di febbraio e sempre nel Masisi, a Shibo e Kilondo, in una settimana 19 civili sono stati uccisi e 3 donne violentate.

A parte la guerra che uccide ogni giorno, a metà aprile, le province del Sud-Kivu, Maniema e Tanganica sono anche state colpite da piogge torrenziali che hanno causato morti e distruzioni. Almeno 23 persone hanno perso la vita ad aprile a causa della pioggia torrenziale che ha colpito la città di Uvira nel Sud-Kivu. […] Circa diecimila famiglie sono vittime dell’alluvione del fiume Congo : secondo fonti tecniche della provincia l’acqua del fiume si è alzata di 6,7 metri. Migliaia sono le case crollate nell’alluvione […] Le vittime hanno trovato riparo in particolare nelle chiese […].

Confinamento, malattie, guerre e catastrofi naturali hanno ridotto la produzione e la circolazione di prodotti agricoli e alimentari. Per i poveri e i più piccoli il rischio di morire di fame è molto grande. Se in Europa la situazione sta migliorando, non si può dimenticare il resto del mondo che è ancora in piena crisi”.

Nella missione salesiana di Bukavu trovano ospitalità anche molti ragazzi dell’internato che frequentano la scuola di formazione professionale. I laboratori funzionano a ritmo ridotto e solo per completare alcuni ordini o eseguire lavori utili al Centro. Non è semplice garantire la sicurezza di tutti in questa forzata convivenza, ma i missionari hanno adottato tutte le misure necessarie per la salvaguardia della salute.

“Cerchiamo di tenere i ragazzi occupati, nel rispetto degli standard di sicurezza: in piccoli gruppi hanno ripetizioni scolastiche, attività ricreative e sportive, piccoli lavori di manutenzione della casa. Stiamo attenti alle notizie e alle disposizioni che possono arrivare da un momento all’altro. Viviamo giorno per giorno, con questo confinamento che riduce i nostri spostamenti e le nostre possibilità di accoglienza. Appena potremo uscire di nuovo abbiamo in programma di visitare le famiglie dei nostri allievi e dare un piccolo aiuto, secondo i nostri mezzi, a coloro che soffrono di più per le conseguenze della pandemia. Siamo in contatto con i nostri confratelli di Uvira per portare, attraverso di loro, soccorsi alle vittime delle alluvioni, soprattutto attraverso il pagamento delle tasse scolastiche per i figli delle famiglie colpite”.

Il resoconto dei nostri missionari si conclude con le parole di Papa Francesco che invita tutti noi alla solidarietà mondiale:
“Ora, mentre pensiamo a una lenta e faticosa ripresa dalla pandemia, si insinua proprio questo pericolo: dimenticare chi è rimasto indietro. Il rischio è che ci colpisca un virus ancora peggiore, quello dell’egoismo indifferente. Si trasmette a partire dall’idea che la vita migliora se va meglio a me, che tutto andrà bene se andrà bene per me. Si parte da qui e si arriva a selezionare le persone, a scartare i poveri, a immolare chi sta indietro sull’altare del progresso. Questa pandemia ci ricorda però che non ci sono differenze e confini tra chi soffre. Siamo tutti fragili, tutti uguali, tutti preziosi. Quel che sta accadendo ci scuota dentro: è tempo di rimuovere le disuguaglianze, di risanare l’ingiustizia che mina alla radice la salute dell’intera umanità!”.

 

Leggi anche, Cosa vuol dire essere mamme coraggio ai tempi del Coronavirus?

Condividi su twitter
Twitter
Condividi su facebook
Facebook

RESTA IN CONTATTO CON NOI

Registrati alla nostra newsletter, agli SMS o se vuoi ricevere le nostre comunicazioni cartacee