Una preghiera per noi, dalla Siria

preghiera dalla siria

Riceviamo ogni giorno attestati di stima, amicizia e vicinanza da parte dei nostri missionari e dei volontari con cui in questi anni siamo venuti in contatto. Ci chiedono come stiamo, come affrontiamo questa emergenza e ci regalano il dono più bello che ci sia: amicizia e affetto.

Stiamo parlando di persone che potrebbero girarsi dall’altra parte e concentrarsi sui loro problemi, che sono presenti e loro affrontano da anni: la guerra in Siria, la fame in Sud Sudan, l’emergenza sanitaria e sociale in Venezuela. Questo significa solo una cosa: puoi avere la fortuna di essere nato nella parte giusta del mondo ma l’empatia e la capacità di condividere sono valori che ogni essere umano deve costruire un pezzettino alla volta, con sacrificio e impegno indipendentemente dalle risorse e dagli strumenti che la sorte gli ha messo a disposizione.

Come fa padre Pier ad Aleppo in Siria con i suoi ragazzi, che in questo video ci dimostrano tutta la loro vicinanza. A tutte queste persone che si ricordano e pregano per noi va il nostro più sincero e immenso GRAZIE. Quando questa emergenza sarà un lontano ricordo il nostro augurio è che sappiamo farne tesoro: non esiste al mondo qualcuno esente da disgrazie, difficoltà o sofferenza. Sta a noi ricordarci che, soprattutto quando tutto questo sarà sotterrato in un piccolo angolo della nostra memoria, qualcuno ha pensato a noi. Qualcuno ci è stato vicino, anteponendo l’interesse nei nostri confronti ai problemi con cui combatte ogni giorno.

Condividi su twitter
Twitter
Condividi su facebook
Facebook

RESTA IN CONTATTO CON NOI

Registrati alla nostra newsletter, agli SMS o se vuoi ricevere le nostre comunicazioni cartacee