Vogliamo confermare che ancora oggi abbiamo una predilezione per i giovani bisognosi

Capitolo Generale Salesiani 2020 a Valdocco

Più volte ho affermato, in varie occasioni, che qui tutto ci parla salesianamente. Benvenuti al 28° Capitolo generale qui a Valdocco, dove ritorniamo dopo sessantadue anni dall’ultimo capitolo qui celebrato -: è con queste parole che il Rettor Maggiore, Don Ángel Fernández Artime, ha accolto i suoi confratelli durante la messa di apertura del 17 febbraio, comunicando la propria emozione nel vedere nei visi dei presenti il volto di tutto il mondo. In effetti gli ispettori radunatisi qui “dove tutto è nato” sono arrivati a Torino da ogni angolo del pianeta: sono ben 66 i Paesi di nascita dei capitolari, che per la loro missione sono presenti in oltre 130 Paesi. Al primo Capitolo Generale che si è svolto a Lanzo Torinese nel 1877, presieduto da Don Bosco, presero parte 23 persone, ora, lo stesso evento, 143 anni dopo, ne ha radunate ben 242, con, in più, la partecipazione di giovani e collaboratori laici, che aiuteranno nella seconda parte del Capitolo, quando, dopo aver maturato il tema, si dovranno prendere delle decisioni. –  In quel momento vogliamo sentire la loro opinione, il loro modo di guardarci e di guardare la realtà salesiana – sottolinea il Rettor Maggiore che, intervistato da ANS (Agenzia Info Salesiana) ha illustrato le sue aspettative: – Tutti i capitoli sono serviti per spingere la Congregazione in avanti. Ma questo ha tre nuclei che sono essenziali. Primo: vogliamo confermare che ancora oggi abbiamo una predilezione per i ragazzi e i giovani più bisognosi. Secondo: pure se il cuore, la passione educativa e le grandi domande su come aiutare i giovani bisognosi restano invariate tra un salesiano giovane e un salesiano maturo, dobbiamo imparare a conoscere il mondo dei pensieri e dei valori, il modo di vivere, sentire e capire la vita dei giovani salesiani di oggi, che sono nativi digitali. E terzo: ho la grande speranza che questo CG28, così come il CG24, che è stato un Capitolo che ha detto tanto sulla missione condivisa con i laici, ci aiuti a realizzare una vera conversione lì dove ancora non è stata fatta perché magari elementi culturali e un forte clericalismo hanno impedito di riconoscere che insieme con i laici riusciamo a compiere meglio la nostra missione tra i giovani. –
Iniziato il 17 febbraio, il Capitolo generale si concluderà il 3 aprile, con la nomina del nuovo Rettor Maggiore e nuove, rinnovate energie da spendere al fianco dei giovani più svantaggiati, in tutto il mondo.

Condividi su twitter
Twitter
Condividi su facebook
Facebook